Cerca per


ESMA - Call for evidence on position limits in commodity derivatives

ESMA launched a call for evidence on position limits and position management in commodity derivatives. ESMA launches this call for evidence in the context of the reviews it must perform under MiFID II, together with the European Commission (EC), and is seeking stakeholders' input to develop an informed view of the issues to be considered and addressed. ESMA's call for evidence is seeking stakeholders' input on the impact of position limits on liquidity, market abuse and orderly pricing and settlement conditions in commodity derivatives markets. Furthermore, stakeholders are invited to share their experience of the application of the MiFID II position limit and position management provisions, explain how trading in commodity derivatives may have been impacted, either positively or negatively, by this new regime and provide thoughts for potential amendments. Stakeholders are invited to provide feedback by 5 July 2019.  

Leggi dettaglio

ESMA - Consultation on future reporting guidelines under SFTR

This Consultation Paper seeks stakeholders' views on key elements of future ESMA Guidelines on reporting under SFTR. These Guidelines will complement the SFTR technical standards and ensure the consistent implementation of the new SFTR rules. The technical standards on reporting entered into force on 11 April 2019 and the reporting for credit institutions and investment firms will start one year later with a phased-in application for the rest of entities until January 2021. The guidelines include general principles that apply to SFT reporting, including how the reports should be constructed and where the reports should be sent.

Leggi dettaglio

ESMA - Adjustment of the application of the trading obligation for shares in a no-deal Brexit

ESMA has further considered the impact of the United Kingdom leaving the European Union without a withdrawal agreement (no-deal Brexit) on the trading obligation for shares (STO) under Article 23 of MiFIR and in the absence of an equivalence decision in respect of the UK by the European Commission (EC). ESMA is issuing this new statement to further mitigate potential adverse effects of the application of the STO, within the constraints of the extraordinary circumstances of a no-deal Brexit and taking into account the concerns expressed by some stakeholders about the guidance published on 19 March 2019. ESMA has also given additional attention to the risk of disruption that conflicting EU27 and UK STOs may potentially create, in particular for UK branches of EU27 investment firms and for EU27 branches of UK investment firms. After careful consideration, and in coordination with the EC, ESMA has concluded that an approach to the STO based only on the ISIN of the share would be more likely to minimise any such risk of disruption in the interest of orderly markets. As a consequence, the EU27 STO would not be applied to the 14 GB ISINs included in its previous guidance. Accordingly, under this revised approach, ESMA assumes that all EU27 shares, i.e. ISINs starting with a country code corresponding to an EU27 Member State and, in addition, shares with an ISIN from Iceland, Liechtenstein and Norway (all together EEA ISINs) are within the scope of the EU27 STO. GB ISINs are outside the scope of the EU27 STO.

Leggi dettaglio

Regolamento (UE) 2019/834 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 maggio 2019

Il Regolamento (UE) 2019/834 modifica il regolamento (UE) n. 648/2012 per quanto riguarda l'obbligo di compensazione, la sospensione dell'obbligo di compensazione, gli obblighi di segnalazione, le tecniche di attenuazione del rischio per i contratti derivati OTC non compensati mediante controparte centrale, la registrazione e la vigilanza dei repertori di dati sulle negoziazioni e i requisiti dei repertori di dati sulle negoziazioni (Testo rilevante ai fini del SEE.)

Leggi dettaglio

ESMA - Updated Q&As on Benchmark Regulation

The new Q&As provide clarification on the following issues: the information included in the ESMA register of administrators of benchmarks; determination of the Member State of reference; and the role of IOSCO principles and of external audit in the recognition of 3rd country administrators.

Leggi dettaglio

ESMA - Updated CSDR Q&As

The updated Q&As provide answers to questions regarding practical issues on the implementation of the new CSDR regime. The latest batch of CSDR Q&As clarify aspects regarding the internalised settlement reporting requirements: - Matching: The first Q&A clarifies that, in the case of internalised settlement instructions that require matching, a settlement internaliser should only include matched internalised settlement instructions in the reports. - Working days: The second Q&A confirms that a settlement internaliser should take into account the working days in the country where it is established and, if applicable, any additional days where the settlement internaliser is open for business. - Late instructions: The last Q&A clarifies that internalised settlement instructions received after the end of the quarter, for settlement in a previous quarter, should be included in the report for the quarter during which the instructions are submitted, and that previously submitted reports should not be updated in such cases.

Leggi dettaglio

Decreto 10 maggio 2019: esonero dall'obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica all'Agenzia delle entrate dei dati dei corrispettivi giornalieri

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18.5.2019 n. 115 il DM 10 maggio 2019, che individua le operazioni esonerate dall'obbligo di memorizzazione elettronica e di trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri. Come esplicitamente previsto, l'articolo 1, comma 1, del decreto in oggetto (rubricato: Operazioni esonerate dall'obbligo di memorizzazione elettronica e di trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri) prevede che in fase di prima applicazione, l'obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri di cui all'art. 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, non si applica, tra l'altro, alle operazioni non soggette all'obbligo di certificazione dei corrispettivi, ai sensi dell'art. 2 del decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n. 696, e successive modificazioni e integrazioni. In ragione della tipologia di attività esercitata, tra i casi di esonero si annoverano dunque anche le operazioni e i servizi prestati dagli intermediari finanziari (art. 22, comma 1, nn. 5 e 6 del DPR IVA).  

Leggi dettaglio

MEF. Decreto 9 maggio 2019: Modifica dell'allegato C al decreto del MEf 28 dicembre 2015, recante l'attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE in materia di scambio automatico di informazioni su conti finanziari

Si rende nota la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del 18 maggio 2019 del Decreto 9 maggio 2019 recante Modifica dell'allegato C al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 28 dicembre 2015, recante l'attuazione della legge 18 giugno 2015, n. 95 e della direttiva 2014/107/UE in materia di scambio automatico di informazioni su conti finanziari (cd. Direttiva CRS/DAC2). In breve, per i dati relativi al 2018 da inviare per l'anno in corso, sono state incluse: Barbados, Isole Cook e Panama.

Leggi dettaglio

Agenzia delle Entrate. Risoluzione n. 52 del 21.5.2019: Costi di consulenza relativi alla quotazione delle PMI - Credito d'imposta del 50% - Istituzione del codice tributo

Con la Risoluzione n. 52 del 21.5.2019, l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo "6901" per l'utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d'imposta per le spese di consulenza relative alla quotazione delle PMI di cui all'art. 1 co. 89 ss. della L. 205/2017 e al DM 23.4.2018

Leggi dettaglio

ESAs - Consultation on technical standards on the reporting of intra-group transactions and risk concentration for Financial Conglomerates

The three European Supervisory Authorities, the European Banking Authority (EBA), the European Insurance and Occupational Pensions Authority (EIOPA) and the European Securities Markets Supervisory Authority (ESMA) launched a consultation on draft Implementing Technical Standards on the reporting of intra-group transactions and risk concentration for Financial Conglomerates. The draft technical standards were developed based on the mandate included in Financial Conglomerates Directive (FICOD). The consultation runs until 15 August 2019.

Leggi dettaglio

Agenzia delle Entrate. Addizionale IRES. Risoluzione n. 49/E del 16 maggio 2019: Ridenominazione del codice tributo 2025 e istituzione di ulteriori codici tributo

L'Agenzia delle entrate ha pubblicato sul proprio sito internet la Risoluzione n. 49/E del 16 maggio 2019 recante: "Ridenominazione del codice tributo "2025" e istituzione di ulteriori codici tributo per il versamento, tramite modello F24, dell'addizionale all'IRES per gli intermediari finanziari - articolo 1, comma 65, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, e successive modificazioni".

Leggi dettaglio

Consiglio europeo - Misure restrittive contro gli attacchi informatici che minacciano l'UE

Il 17 maggio il Consiglio ha istituito un quadro che consente all'UE di imporre misure restrittive mirate volte a scoraggiare e contrastare gli attacchi informatici che costituiscono una minaccia esterna per l'UE o i suoi Stati membri, compresi gli attacchi informatici nei confronti di Stati terzi o organizzazioni internazionali qualora le misure restrittive siano ritenute necessarie per conseguire gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (cfr. Decisione (PESC) 2019/797 del 17 maggio 2019)

Leggi dettaglio

Unione bancaria: il Consiglio adotta misure intese a ridurre i rischi nel sistema bancario

Il pacchetto adottato contiene modifiche alla normativa sui requisiti patrimoniali (regolamento n. 575/2013 e direttiva 2013/36/UE) che rafforzano il capitale e le posizioni di liquidità delle banche e consolida il quadro per il risanamento e la risoluzione delle banche in difficoltà (direttiva 2014/59/UE e regolamento n. 806/2014). Il pacchetto sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale nel mese di giugno ed entrerà in vigore venti giorni dopo. La maggior parte delle nuove norme inizierà ad applicarsi a metà 2021.

Leggi dettaglio

Regolamento Delegato (UE) 2019/758 che integra la IV Direttiva AML recando misure supplementari per mitigare il rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo in taluni paesi terzi

Il Regolamento, che si applicherà a decorrere dal 3 settembre 2019, stabilisce una serie di misure supplementari, fra cui l'azione minima, che gli enti creditizi e gli istituti finanziari devono intraprendere per far fronte in modo efficace al rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo nei casi in cui l'ordinamento di un paese terzo non consenta l'attuazione delle politiche e procedure di gruppo di cui all'articolo 45, paragrafi 1 e 3, della direttiva (UE) 2015/849 a livello delle succursali o filiazioni controllate a maggioranza che fanno parte del gruppo e che sono stabilite nel paese terzo

Leggi dettaglio